Gangster Squad

Gangster Squad è un film di cui si poteva fare tranquillamente a meno. Non aggiunge niente al genere (a me tanto caro) gangster-criminal-mafioso ed è l’ennesimo e forse superfluo tributo all’Età Dell’Oro degli USA, ovvero gli anni ’50 e ’60.

Gangster Squad La trama è quella tipica della gangster-story: a Los Angeles c’è un boss molto potente di nome Mickey Cohen (Sean Penn) che vuole estendere il suo potere su tutto lo stato. Poichè quasi tutti i poliziotti e i giudici sono nel suo libro paga, il capo della polizia (Nick Nolte) allestisce una squadra di detective onesti ma disposti a passare il segno pur di sconfiggerlo: andranno oltre la legge diventando dei violenti giustizieri che attaccano e sabotano tutti i loschi traffici del super boss al fine di metterlo in ginocchio. Il leader della Gangster Squad è Josh Brolin e a lui si uniranno altri 5 poliziotti (tra cui spiccano i personaggi di Ryan Gosling e Giovanni Ribisi). Ovviamente la donna del boss (Emma Stone) si innamora di un poliziotto (e non poteva che essere Ryan Gosling, sempre più il dandy  del cinema USA) innescando il più classico dei triangoli amoroso-criminale.

Il film non è brutto di per sè, sia chiaro. Ha ritmo, le scene d’azione sono decenti e spicca un bell’inseguimento in auto d’epoca. Anche i personaggi\attori funzionano discretamente: Josh Brolin ha un bel mascellone che buca lo schermo, Ryan Gosling finchè gli fanno fare la parte del belloccio viveur è perfetto ed Emma Stone, nonostante il suo visino da eterna liceale, si cala bene nella parte della femmina del capo. Paradossalmente è proprio il capo a deludere: Sean Penn pare una caricatura… tutte quelle urla e quella violenza dopo qualche scena diventano noiose e stucchevoli.

Il problema di Gangster Squad è che non ha niente di rilevante. E’ come bere un mojito fatto in casa dopo averne fatta incetta a Cuba… è come gasarsi per l’arrivo di Honda e Poli quando prima si esultava per gli acquisti di Nesta e Shevchenko…

Originalità: è questo che manca a Gangster Squad. Un difetto solo, ma un difetto enorme.

Voto: 5

Gangster Squad Poster

Annunci

4 pensieri su “Gangster Squad

  1. SPOILER WARNING
    Sono d’ accordo sul fatto che Gangster Squad non sia un film originale. E non solo perché il gangster movie é un genere ormai saturo, ma anche perché é trito e ritrito (e americano al mille per mille) il tema di fondo: presentare un gruppo di duri e puri che, contro ogni previsione e logica, riescono ad avere la meglio su un sistema marcio e corrotto.
    Un film praticamente identico a Gangster Squad per quanto riguarda questo canovaccio narrativo é “Cop Land”: non a caso quel film presenta tutti gli attori principali dei gangster movies (Robert De Niro, Ray Liotta, Harvey Keitel eccetera) più la ciliegina sulla torta, il mitico Sylvester Stallone.
    Tornando a Gangster Squad, nonostante la sua scarsa originalità mi é piaciuto molto. Ha un’ atmosfera gradevole, una trama solida e coinvolgente, e soprattutto rivisita gli stereotipi del genere in maniera davvero imprevedibile.
    Ad esempio, la femme fatale, invece di mandare a puttane la situazione (come sempre succede nei gangster movies e come lo spettatore si aspetta dal primo momento in cui Emma Stone entra in scena), la salva facendo da testimone contro Cohen.
    Altro esempio: i duri e puri di solito arrivano alla meta tutti insieme, e tutti senza un graffio: proprio per questo la scelta di uccidere uno di loro é un ottimo colpo di scena. Anche perché a venire ucciso é proprio quello che stava dietro le quinte, quello che ascoltava le telefonate mentre gli altri si beccavano i proiettili, e quindi quello che sembrava il più al sicuro in assoluto.
    Questi 2 colpi di scena, sommati ai pregi che ti ho elencato prima, mi hanno mandato in brodo di giuggiole. Accetto tuttavia che tu possa essere di un altro avviso, a maggior ragione perché quelli a cui é piaciuto il film sono un’ assoluta minoranza. : )

    1. Il paragone con Copland è calzante, anche se ritengo il film di Stallone di un altro livello.

      E’ più che comprensibile che alcuni tratti di questo film ti siano piaciuti (anche io ci ho trovato cose interessanti), tuttavia i pochi elementi di novità presenti mescolati nel solito minestrone di topos sul genere gangster-movie mi hanno molto deluso.

      Ma la delusione più grossa è stata Sean Penn: non so se è colpa sua o se è il personaggio ad essere così, ma sta di fatto che lui ne esce proprio male…

      Infine, sul fatto che i gangster-movie sia ormai saturo e con pochi spazi di innovazione, forse è vero, ma di sicuro negli ultimi anni ci sono comunque state pellicole molto interessanti.
      Ti consiglio la visione di questi film, soprattutto i primi 3:

      – RocknRolla (2008)
      – Guida per riconoscere i tuoi santi (2006)
      – The Town (2010)
      – In Bruges – La coscienza dell’assassino (2008)
      – La promessa dell’assassino (2007)
      – Pride and Glory – Il prezzo dell’onore (2008)
      – American Gangster (2007)
      – Takers (2010)
      – I padroni della notte (2007)
      – Le belve (2012)
      – La notte non aspetta (2008)
      – The Departed – Il bene e il male (2006)

      1. Ho visto:

        – Guida per riconoscere i tuoi santi (2006)
        – The Town (2010)
        – American Gangster (2007)
        – I padroni della notte (2007)
        – La notte non aspetta (2008)
        – The Departed – Il bene e il male (2006)

        I migliori sono senza dubbio “American Gangster” e “I padroni della notte.” Per quanto riguarda “Guida per riconoscere i tuoi santi”, il pregio maggiore di quel film é l’ efficacia con cui ritrae la vita quotidiana nei quartieri popolari di New York. In questo assomiglia ad un film di Spike Lee, “Fa’ la cosa giusta”, al quale sono così affezionato che ho la locandina appesa davanti al mio letto.
        Della tua lista l’ unico che non avevo né visto né sentito nominare é “Takers”, e guardando Wikipedia ho scoperto perché: non é passato dai cinema, l’ hanno distribuito direttamente in home video. Quando il mio budget sarà meno risicato, potrei comprare il dvd. Grazie per i consigli! : )

      2. TAKERS è veramente carino, e poi c’è Idris Elba, un mio pupillo da quando ho scoperto Luther!!!!
        Da qualche tempo si vocifera che potrebbe eriditare da Daniel Craig lo scettro di 007 e ti confesso che mi piacerebbe molto vedere il primo James Bond nero interpretato proprio da Elba…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...