Il sospetto – The hunt

Talvolta mi capita di scegliere un film solo per il titolo: perchè mi suggerisce azione o romanticismo, perchè mi incuriosisce, perchè stuzzica la mia immaginazione o perchè, molto banalmente, suona bene quando lo pronuncio. Quando scelsi Il Sospetto immaginavo di vedere un intrigante legal-thriller: un giovane avvocato rampante con poco tempo per la famiglia, uno scabroso caso giudiziario, una dimostrazione di innocenza con una folgorante arringa finale.
Invece Il sospetto racconta tutta un’altra storia.

Il Sospetto - The HungUn maestro d’asilo bello simpatico e brillante conduce una vita semplice e serena, dividendosi tra il lavoro, gli amici e il figlio avuto dall’ex moglie. Lucas ha sempre un sorriso per tutti: per i bambini della scuola e per i loro genitori, per i colleghi e per gli amici; non si risparmia, aiuta tutti ed è un membro fra i più rispettati della piccola comunità in cui vive. Finchè la sua vita non viene d’un tratto macchiata e stravolta: una bambina lo accusa di molestie sessuali.

Strisciante come un serpente, il sospetto si insinua nella comunità: Lucas non è più l”amico, il vicino, il maestro o il collega. Tutti vedono in lui solo un mostruoso pedofilo. Di più, il  sospetto dilaga, straripa dallo schermo e contagia lo spettatore: anche se le scene del film hanno suggerito l’innocenza di Lucas, il germe del dubbio si annida nello stomaco di chi guarda e cresce cresce cresce.

Il sospetto ci spoglia, lasciandoci nudi davanti alle ipocrisie, al perbenismo, alla venatura bigotta che appesta la moralità dei giorni nostri. Vittime e carnefici si confondono, si mescolano e si scambiano di ruolo, mentre la distanza tra “sospetto” e “colpa” si assottiglia sempre più, fino ad annullarsi. Ciò che resta è solo la facilità con cui si può distruggere la vita di un uomo. Ciò che sopravvive è solo quel germe piccolo e resistente: e quando il sospetto si trasforma in paura sono solo miserie per le vite degli uomini.

Il sospetto è un filmone vero, di quelli che ti fanno riflettere a lungo, anche a distanza di giorni. Non mi ha stupito vederlo tra i candidati come “Miglior Film Straniero” agli Oscar di quest’anno. E mi stupirei ancora meno se vincesse!!!

Voto: 8

Il Sospetto - The Hung

Annunci

16 pensieri su “Il sospetto – The hunt

  1. Un altro film che fa capire in modo magistrale quanto sia difficile arrivare a scovare la verità quando é sepolta in mezzo ad un mare di bugie, sospetti, dubbi, accuse ingiustificate, accuse giustificate ma non provabili e quant’ altro é “Lo specchio scuro.” Appartiene ad un filone che amo moltissimo: i film noir degli anni ’40, che a circa 70 anni dalla loro uscita sono ancora capaci di coinvolgerti e di tenerti sul filo della tensione dal primo all’ ultimo minuto. Se trovi il dvd in un videonoleggio prendilo: non te ne pentirai.
    E a proposito di raccomandazioni: ho seguito il tuo consiglio, e da Lunedì ho cominciato a leggere L’ ombra dello scorpione. Adesso sono già a pag. 810, e questo la dice lunga su quanto il romanzo mi stia piacendo. Per quel che ho letto finora, mi sento di dire che é uno dei migliori romanzi che King abbia mai scritto.

    1. Mi fa piacere che apprezzi the last stand.
      E’ un librone, in tutti i sensi!!!!!
      Io ci misi appena 5 giorni a leggerlo eheheheheh

      Su Il Sospetto, ti confesso che tiferò per lui domenica sera, anche se sarà in lizza contro il nostro italiano (ma da me non apprezzato) La grande bellezza. E spero anche nella statuetta per Di Caprio.

      Tu, invece, hai qualche pronostico per gli oscar 2014?

      1. Come miglior film e miglior regia direi che 12 anni schiavo non ha rivali. Nonostante ciò, non ho in programma di vederlo: ho letto che pigia un po’ troppo il tasto della violenza e del sadismo, e questo mi ha indotto a cancellarlo dalla mia watchlist.
        Come miglior attrice all’ inizio si profilava un duello a due tra Cate Blanchett e Judi Dench, ma ultimamente tutti gli articoli che ho letto lodavano soprattutto la prima, quindi punto su di lei.
        L’ Oscar al migliore attore é un’ altra lotta a due, tra Di Caprio e McConaughey. Se dovessimo giudicarli in base alla carriera non ci sarebbero dubbi, l’ Oscar dovrebbe andare al primo; se invece dovessimo basarci sulla singola interpretazione, probabilmente McConaughey avrebbe una marcia in più.
        C’é un altro elemento che influenza moltissimo la scelta dei giurati: alcuni di loro non votano l’ attore, ma il personaggio. In questo senso, McConaughey interpreta un attivista per i diritti civili, e Di Caprio un truffatore che si tuffa a pesce nel mondo del sesso, droga e rock’n’roll: Leo é candidato per un personaggio molto più antipatico, quindi difficilmente raccoglierà il voto dei giurati che votano con questo criterio. E’ uno degli Oscar più incerti di quest’ anno, dipenderà tutto da come ragioneranno i giurati.
        Tu invece cosa pronostichi?

      2. Sono in linea con le tue previsioni. In più McConaghey ha il fattore “dimagrimento” a favorirlo: all’Academy hanno sempre avuto un occhio di riguardo per quegli attori che sapevano trasformare pesantemente il loro fisico. Tant’è che molti, secondo me, hanno forzato molto questo aspetto proprio per vincere la statuetta.
        Come sai non amo particolarmente gli Oscar, perchè spesso non premiano il più bel film o il più bravo attore\attrice. Seguono logiche politiche e circostanziali spesso discutibili.

        Alla fine hanno gli stessi difetti che ha il Pallone d’Oro.

        Dei film in lizza quest’anno ne ho visti pochi in realtà.
        Gravity mi è piaciuto, ma non mi ha entusiasmato. Discorso diverso per The Wolf of Wall street: autentico filmone. Ma non avendo visto le altre pellicole papabili il mio pronostico sarebbe spurio.
        Mi ha stupito che nel novero dei 10 migliori film non fosse isnerito Prisoners: autentico thrillerone noir che non dubito apprezzeresti.

        PS: ho visto il trailer di HER. Secondo me si profila il capolavoro. Non vedo l’ora di guardarlo!!!!!

      3. Prisoners é candidato per la migliore fotografia. Avevo in programma di vederlo già prima che ottenesse questa nomination, perché ho letto una recensione che lo definiva come un film hitchcockiano: il cinema di Hithcock é un diretto discendente, potremmo dire un perfezionamento dei noir anni ’40 di cui ti parlavo prima, quindi ben vengano i registi che si rifanno al suo stile. Ti farò sapere quando l’ avrò visto! : )

      4. Sto cercando di recensirlo (Prisoners) ma è difficile trasporre in parole la magia di quelle scene, il retrogusto amaro di quei dialoghi, l’inquietudine di quegli sguardi.
        Ci devo riuscire, però. Ormai è un punto d’onore per me!!!
        Con Il Dubbio, invece, ci ho rinunciato: le mie parole potrebbero solo imbruttirlo 🙂

  2. “Il Sospetto” è davvero meraviglioso…con un finale che personalmente mi ha lasciato tanto tramortito quanto sconvolto. Nel mio cuore l’Oscar al Miglior Film Straniero è andato a lui.
    Ho letto che si parla di noi anni ’40…quella è la scuola di cinema per eccellenza, con autori – da Hitchcock a Hawks, da Reed a qualche incursione nel genere di Wilder – che hanno fatto la storia e realizzato titoli di suprema eccellenza.
    Ho visto che si parla anche di “Prisoners”, a mio avviso il film più sottovalutato dell’appena conclusa stagione cinematografica. Se l’avete perso, mi permetto di consigliare “La Donna Che Canta” dello stesso regista: film di stampo diverso ma altrettanto teso e spiazzante. Nel 2010 ottenne la nomination come Miglior Film Straniero.

    1. ciato dott!!! Benvenuto e grazie per il tuo commento!!!
      Vedo che abbiamo gusti simili (anche io ho adorato Prisoners e l’ho trovato molto sottovalutato).
      Il finale de Il Sospetto è veramente meraviglioso: così crudo, così sincero, così triste in fondo. ANche io tifavo per questo film.
      Non conoscevo invece La donna che canta: cercherò di recuperarlo appena possibile. Grazie per la dritta!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...